Il Parco, restaurato dall’architetto Paolo Pejrone, si estende su una superficie di 22.000 mq ed è celebre per la ricchezza della sua flora mediterranea ed esotica sempreverde.

Pini marittimi, carrubi, ulivi, mandorli, cipressi, cedri del Libano, lecci ed una sorprendente collezione di agrumi sapientemente messi a dimora vicino a piante di eucaliptus, jacaranda, araucarie, strelizie giganti, diksonie, palme, cactacee provenienti da ogni latitudine, fioriture stagionali di tumbergie, spiree, ortensie quercifoglie, oleandri, pelargoni odorosi, bouganville, dature, bignonie, solanum e gelsomini sorprendono ed emozionano l’ospite attraverso un percorso di profumi e colori.

Centinaia di varietà diverse di specie formano la straordinaria collezione di Agapanti.

Romantiche pergole di rose banksiae e di glicini di numerose varietà uniscono i diversi livelli del parco, dove si possono ammirare delicate ninfee e fiori di loto che crescono rigogliosi nei laghetti e nelle fontane che circondano le Ville.